« Arrière
09.022016

Licenziamenti collettivi: computo dei lavoratori a tempo determinato (Il Giuslavorista.it, 5 febbraio 2016)

L’art. 1, paragrafo 1, comma 1, lettera a), della Direttiva 98/59/CE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi, deve essere interpretato nel senso che i lavoratori che beneficino di un contratto a tempo determinato o per un compito determinato debbono essere considerati lavoratori “abitualmente” impiegati presso lo stabilimento interessato. Una diversa interpretazione priverebbe l’insieme dei lavoratori dei diritti loro conferiti dalla Direttiva stessa, compromettendo l’efficacia di quest’ultima. Orbene, ai fini del calcolo dell’organico, la natura del rapporto di lavoro è irrilevante.

 

Per maggiori informazioni sul tema trattato, scrivici all’indirizzo email press@delucapartners.it oppure leggi l’articolo integrale su il sito de « Il Giuslavorista.it ».