« Indietro
03.102014

JOB ACT E ART. 18, L. 300/1970: REINTEGRO IN AZIENDA SOLO IN CASI ESTREMI (IL SOLE 24 ORE, 1 OTTOBRE 2014, PAG. 5)

Tommaso Nannicini, economista all’università Bocconi di Milano e tra i più stretti consiglieri del premier Matteo Renzi, conferma che negli obiettivi del Governo sulla riforma all’art. 18, L. 300/1970 c’è quello di individuare i «casi estremi» di licenziamenti disciplinari illegittimi dove rimarrà il reintegro nel posto di lavoro, mentre la tutela reale sarà completamente eliminata per i licenziamenti economici, in quanto sostituita, per i nuovi assunti con il contratto a tempo indeterminato a protezione crescente, da un indennizzo monetario calcolato in base all’anzianità di servizio. L’esponente del PD, nel suo intervento, ha anche chiarito che con la prossima riforma del lavoro non ci sarà più spazio per le collaborazioni coordinate e continuative a progetto, mentre resteranno le sole collaborazioni per esigenze stagionali, per studenti e per pensionati.