« Indietro
11.032015

CASSAZIONE: IN CASO DI INIDONEITÀ ALLA MANSIONE È NECESSARIO UN DUPLICE CONTROLLO (IL SOLE 24 ORE, 11 MARZO 2015, PAG. 41)

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 4757 del 10 marzo 2015, ha stabilito che il licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore allo svolgimento delle mansioni è illegittimo se, da un lato, lo stesso è giustificato dal solo accertamento compiuto dal medico competente e non anche da quello della commissione sanitaria territorialmente competente e, dall’altro, il datore di lavoro non ha provato l’impossibilità di adibire il dipendente ad altre mansioni all’interno dell’azienda.