« Indietro
20.032015

LE NORME ATTUATIVE DEL TFR IN BUSTA PAGA (IL SOLE 24 ORE, 20 MARZO 2015, PAG. 47)

È stato pubblicato il 19 marzo 2015, il Dpcm n. 29/2015 che contiene le norme attuative sul TFR in busta paga, come regolamentato dalla legge di stabilità per il 2015. Detto decreto stabilisce che il TFR verrà liquidato ai dipendenti che ne faranno richiesta non prima di aprile 2015, con assoggettamento soltanto a tassazione ordinaria ed esenzione da carichi previdenziali. È possibile invece uno slittamento al terzo mese successivo a quello di efficacia della richiesta, per le aziende con meno di 50 dipendenti che abbiano richiesto l’accesso ai finanziamenti bancari. All’interno del decreto è disponibile anche il modello per avanzare la richiesta di anticipo mensile che ogni lavoratore dovrà compilare, sottoscrivere e fare avere al proprio datore di lavoro. E’ stato altresì chiarito che la richiesta di anticipazione del TFR non potrà essere avanzata dai dipendenti del settore agricolo, domestico, dei comparti in cui i contratti collettivi nazionali già prevedono la corresponsione periodica del TFR, nonché da coloro che abbiano posto il TFR a garanzia di contratti di finanziamento. L’anticipazione del TFR non sarà inoltre possibile all’interno di aziende assoggettate a procedure concorsuali, che fruiscono di Cassa integrazione ovvero che abbiano sottoscritto accordi di ristrutturazione dei debiti o di risanamento.