DLP Insights

Ispettorato nazionale del lavoro: le prime indicazioni operative sull’installazione del Gps sulle autovetture aziendali

Categorie: DLP Insights, Prassi

Il neo istituito Ispettorato nazionale del lavoro ha preso posizione sull’interpretazione da dare al nuovo articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori con riferimento all’installazione del Gps sulle autovetture aziendali. Nel farlo l’Ispettorato, con la circolare n. 2 del 7 novembre 2016, ha corretto il parere espresso sul punto dalla direzione interregionale del Lavoro di Milano nel maggio 2016. Secondo la direzione interregionale “il sistema Gps (…) non è da considerare separatamente dall’auto cui accede e per la sua installazione non è necessario il preventivo accordo sindacale o la preventiva autorizzazione ministeriale”. Successivamente a tale indicazione, alcune Direzioni territoriali del lavoro sul proprio sito istituzionale hanno, quindi, dichiarato che “a seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 151/2015, l’installazione di impianti Gps a bordo di veicoli ad uso lavorativo non è più soggetta ad alcuna autorizzazione da parte di questo ufficio”. Di diverso parere è, invece, l’Ispettorato secondo il quale i sistemi di geolocalizzazione rappresentano in linea generale “un elemento <<aggiunto>> agli strumenti di lavoro, non utilizzati in via primaria ed essenziale per l’esecuzione dell’attività lavorativa ma, per rispondere ad esigenze ulteriori di carattere assicurativo, organizzativo, produttivo o per garantire la sicurezza del lavoro” e “solo in casi del tutto particolari – qualora i sistemi di localizzazione siano installati per consentire la concreta ed effettiva attuazione della prestazione lavorativa (…), ovvero l’installazione sia richiesta da specifiche normative di carattere legislativo o regolamentare (…) – si può ritenere che gli stessi finiscano per <<trasformarsi>> in veri e propri strumenti di lavoro”. Ciò significa che solo in questa ultima ipotesi si può prescindere dall’espletamento positivo delle procedure garantiste di cui all’art. 4, comma 1, dello Statuto dei Lavoratori.

Altri insights