01.092016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Corte di Cassazione: documenti aziendali utilizzabili in giudizio

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14305/2016, ha confermato l’illegittimità del licenziamento disciplinare intimato da una società a un dipendente che, nel corso di una controversia intentata per il riconoscimento di mansioni superiori, si è impossessato di documenti utili alla causa, inviandoli dalla mail aziendale a quella personale, nonché ha depositato e reso pubblica…

01.092016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Corte di Cassazione: trasferimento e discriminazione

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15435 del 26 luglio 2016, ha affermato il principio secondo il quale il dipendente a suffragio della discriminazione subita può fornire indizi e presunzioni. Nel caso di specie una lavoratrice veniva licenziata per non aver ottemperato all’ordine datoriale di trasferimento presso un punto vendita situato a circa…

01.092016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Corte di Cassazione: il concetto di unità produttiva per l’applicabilità della tutela reale

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15211 del 22 luglio 2016, nel confermare la decisione di merito, ha affermato che la sede di lavoro coincidente con l’abitazione del dipendente, ai fini della verifica del requisito dimensionale per l’applicabilità in caso di licenziamento illegittimo della tutela reintegratoria ex art. 18 dello Statuto dei lavoratori,…

01.092016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Corte di Cassazione: l’informativa al datore di lavoro del dipendente assente per malattia

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15226 del 22 luglio 2016, ha respinto il ricorso presentato da una lavoratrice avverso la sentenza della Corte d’Appello che aveva dichiarato legittimo il licenziamento disciplinare intimatole per assenza ingiustificata, poiché non aveva comunicato il certificato di malattia. Nella prospettazione della lavoratrice, ella si era recata dal…

01.092016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Corte di Cassazione: l’obbligo di repêchage non si applica al dirigente

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14193 del 12 luglio 2016, ha confermato che non si applica al dirigente licenziato per motivi economici l’obbligo di repêchage all’interno di un gruppo. Nel caso esaminato un dirigente adiva l’autorità giudiziaria poiché, a suo dire, il licenziamento intimatogli dalla filiale italiana di una multinazionale americana doveva…

01.092016
normativa.gif

Normativa

Lavoro autonomo e smart working: approvato il nuovo testo

La Commissione Lavoro del Senato, nella seduta del 22 luglio 2016, ha approvato il «nuovo» testo del disegno di legge in tema di lavoro autonomo e lavoro agile (cd smart working), apportando rilevanti modifiche al testo originario presentato dal Governo nel 2015. Con riferimento al lavoro autonomo, la relativa normativa viene estesa anche ai rapporti…

01.092016
normativa.gif

Normativa

Dimissioni on line: procedura da rivedere

A pochi mesi dall’entrata in vigore della procedura telematica di comunicazione delle dimissioni e delle risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro, si parla già di volerla modificare. Le Commissioni lavoro della Camera dei Deputati e del Senato hanno, infatti, espresso parere favorevole, con alcune osservazioni, alla proposta dei Consulenti del Lavoro di introdurre «correttivi» con…

26.072016
prassi.gif

Prassi

Dirigenti Terziario: è stato firmato l’Accordo di rinnovo del CCNL

in Prassi

E’ stato formalizzato, lo scorso 21 luglio, l’Accordo di rinnovo del CCNL per i dirigenti del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi, tra Confcommercio e Manageritalia. Fra le novità principali si rammenta, anzitutto, la riduzione del periodo di comporto a 240 giorni in un anno, durante i quali verrà corrisposta l’intera retribuzione al dirigente, con…

26.072016
prassi.gif

Prassi

Lavanderie: è stato firmato l’ipotesi di rinnovo del CCNL

in Prassi

Il 13 luglio 2016 è stato siglata l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL del settore lavanderie industriali, scaduto il 30 giugno 2015. L’intesa prevede un aumento salariale medio di Euro 70 al livello A3, da erogarsi in tre tranche: (i) Euro 30 dal 1° luglio 2016; (ii) Euro 20 dal 1° luglio 2017;…

26.072016
prassi.gif

Prassi

Conciliazioni: doppio controllo sul deposito dei verbali in sede sindacale

in Prassi

Il Ministero del Lavoro, con le note protocollo nn. 5199/2016 e 5755/2016, ha fornito chiarimenti interpretativi sulla procedura di deposito presso la Direzione Territoriale del Lavoro (DTL) dei verbali di conciliazione sottoscritti in sede sindacale. Il Ministero ha precisato, infatti, che in caso di deposito dei verbali di conciliazione in sede sindacale, la DTL deve…

26.072016
giurisprudenza.gif

Giurisprudenza

Legittimo il licenziamento per giusta causa se la condotta extra lavorativa viola i principi di correttezza e buona fede

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13676 del 5 luglio 2016, ha confermato il principio di diritto già espresso con sentenza del 10 febbraio 2015, n. 2550, in forza del quale ai fini della legittimità del licenziamento per giusta causa non è necessario che il lavoratore abbia posto in essere comportamenti espressamente vietati, bensì,…